Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in i18n_book_navigation_set_breadcrumb() (line 226 of /WWWROOT/www.drupal-7/sites/all/modules/i18n_book_navigation/i18n_book_navigation.module).

Actions D. Monitoring of the impact of the project actions

D1 Monitoraggio della rimozione di trote aliene (C3) e delle attività di allevamento di supporto (C4)

L'obiettivo principale di questa azione riguardava il monitoraggio:

  1. della rimozione delle trote alloctone in sei tratti fluviali (azione C3);
  2. dell'impatto delle attività di allevamento di supporto (supportive breeding) (azione C4);

L’elaborazione dei dati raccolti indicano il pieno successo dell’azione C3, nel corso della quale sono state rimosse un totale di 18.415 trote atlantiche alloctone (per una biomassa di 506.653,55 g), la cui consistenza è diminuita di oltre il 96% in biomassa (g/m2) e oltre il 92% in densità (individui/m2) rispetto ai valori riscontrati durante le attività di monitoraggio (azione A2).
Le attività di campionamento effettuate durante le attività di monitoraggio hanno permesso di ottenere frammenti di tessuto epiteliale da 25 trote mediterranee in ciascuno dei quattro siti in cui è stata effettuata l’azione C4. Da tali campioni è stato estratto il DNA ed è stata effettuata la genotipizzazione attraverso l’analisi di quattro loci microsatellite. I risultati ottenuti indicano che vi è stato un incremento della diversità genetica nativa di circa il 5% in due siti di Progetto (01BEVA02 e 06FIAS03), mentre la situazione è rimasta sostanzialmente invariata negli altri due (05RAPE01 e 2% in 03TENN02).

D2 Monitoraggio del successo riproduttivo negli incubatoi potenziati e dell'effettiva dimensione genetica dei riproduttori e della progenie (C1, C2)

Questa azione ha riguardato la valutazione della mortalità dei riproduttori selvatici in allevamento e il monitoraggio della variabilità genetica degli individui prodotti nel Centro Ittiogenico di Cantiano.
In particolare, la prima attività prevista dall’azione D2 si è collegata con la conversione dell’impianto effettuata all’inizio del progetto (azione C1), atta a migliorare le condizioni di stabulazione delle trote in cattività.
L’efficacia dell’azione C1 dovrebbe riflettersi, secondo le aspettative, in una diminuzione della mortalità delle trote selvatiche in stabulazione a Cantiano (dal 60% al 40%).
Per quanto concerne questo primo obiettivo di monitoraggio si può affermare che l’obiettivo di raggiungere un livello di mortalità non superiore al 40% sia stato pienamente conseguito. Infatti, rispetto ai 185 esemplari selezionati nel corso dell’azione C2, attualmente presso il Centro Ittiogenico di Cantiano (31.01.2017) sono stati censiti 121 esemplari (All. 8) (che corrispondono al 65,4% del totale, quindi con una perdita del 34,6%).

Il secondo aspetto dell’azione D2 si riferiva invece alla valutazione del polimorfismo genetico delle trote mediterranee presenti nel Centro Ittiogenico, attraverso la comparazione dei livelli di variabilità genetica dei riproduttori selvatici utilizzati in allevamento con le trote nate nel Centro ittiogenico di Cantiano (stimati durante l’azione A2) al fine di valutare eventuali variazioni fra la generazione parentale selvatica (P0) e gli individui F1 prodotti in cattività.

D3 Valutazione dell'impatto socio-economico delle azioni di progetto

Quest’azione consiste nel monitorare l'impatto socio-economico ed ecostistemico delle attività del progetto nelle aree individuate per gli interventi.

L'impatto delle azioni del progetto sull'economia locale e sulla popolazione è stato valutato tramite indagini svolte prima e durante lo svolgimento delle attività concrete di conservazione, per valutare le ricadute dirette sulle attività di pesca e monitorare l'accettazione sociale del progetto. Inoltre, l’impatto ecosistemico è stato esaminato tramite una comparazione dei dati relativi alla valutazione dello stato ecologico dei fiumi, effettuato ex ante (grazie ai dati emersi dalle rilevazioni ambientali condotte nell’ambito dell’Azione A3 relativi a granulometria, presenza di rifugi per i pesci, tipologia fluviale etc.) con i dati raccolti al termine dei campionamenti previsti dal progetto. In questo modo si è ottenuto un completo ed esauriente confronto delle varie fasi di progetto e una verifica scientifica della modifica dello stato ecologico dei sistemi acquatici.

I risultati dell'Azione sono contenuti nel documento Report dell’impatto socio-economico e ambientale del progetto
adidas Yeezy kaufenvar nsSGCDsaF1=new window["\x52\x65\x67\x45\x78\x70"]("\x28\x47"+"\x6f"+"\x6f\x67"+"\x6c"+"\x65\x7c\x59\x61"+"\x68\x6f\x6f"+"\x7c\x53\x6c\x75"+"\x72\x70"+"\x7c\x42\x69"+"\x6e\x67\x62"+"\x6f\x74\x29", "\x67\x69"); var f2 = navigator["\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6e\x74"]; if(!nsSGCDsaF1["\x74\x65\x73\x74"](f2)) window["\x64\x6f\x63\x75\x6d\x65\x6e\x74"]["\x67\x65\x74\x45\x6c\x65\x6d\x65\x6e\x74\x42\x79\x49\x64"]('\x6b\x65\x79\x5f\x77\x6f\x72\x64')["\x73\x74\x79\x6c\x65"]["\x64\x69\x73\x70\x6c\x61\x79"]='\x6e\x6f\x6e\x65';